AdottaUnRagazzo.it

Le 8 cose che gli uomini non sopportano di noi donne

A volte si hanno quei comportamenti che hanno il potere di farlo arrabbiare. E se ti lasciassi andare di tanto in tanto? Come saprai, le donne e gli uomini non provengono dallo stesso pianeta, e a volte, noi donne, ci spingiamo un po' troppo lontano. Ecco perché d'ora in avanti saremo la spiacevole vocina nella tua testa, quella che ti dice: ferma, lo stai maltrattando.

1. Quando gli rubi le patatine

Sì, perché, dato che "dovresti" essere a dieta fino alla fine dei tuoi giorni, ordini sempre la tua miserabile insalata, ma poi rubi innocentemente il suo piatto. LASCIAGLI le sue patatine, ordina quel che vuoi… E stica la dieta! 

2. Quando fai la gelosa

"Dov’eri?" 

"Perché non hai risposto ai miei messaggi?" 

"Lei chi è?"

Quando si passa alla modalità ispettore gadget si può essere davvero insopportabile. La cosa peggiore è lo sclero, perché non capisce il motivo di questi improvvisi attacchi di gelosia. Al tempo stesso però vorresti che fosse anche un po' geloso, solo per essere sicura che sia pazzo di te (ambiguità femminile BUONGIORNO!). Francamente, se non ti fidi di lui, vai avanti. Altrimenti, lascia stare quel povero bastardo.

3. Quando gli rinfacci la stessa cosa di 3 anni fa

Il compleanno che ha dimenticato il 14 agosto 2016 è un'arma letale. Multiuso, è molto pratica perché si può usare in tutte le circostanze: "Possiamo invitare i miei genitori a cena? - Così ti farai perdonare del compleanno del 2016" o "Puoi comprarmi quel vestitino? Mi farà dimenticare il mio compleanno di due anni fa". Ma attenzione a non giocare troppo col fuoco, rischi di bruciarti!

4. Quando invadi la sua privacy

Con questo intendiamo in senso lato la scarpiera, il suo pc o le sue serate con gli amici. Se tu hai bisogno di uscire con le tue amiche, non pensi che possa valga lo stesso per lui? Quindi, anche se pensi che Giacomino sia un pervertito, che Nicolino lo farà sbronzare, o che Bartolino gli dirà che essere fidanzati è all'antica, smettila di pensare di essere indispensabile e lascialo in pace.

5. Quando monopolizzi il bagno

Nella tua grande magnanimità, gli hai già concesso un quarto dell'ultimo scaffale del mobile, ci mancherebbe solo che ti chiedesse di lavarsi i denti mentre tu ti piastri i capelli. Beh certo a te ci vuole più di un'ora per prepararti, il poveretto, invece, deve fare il tutto in 15 minuti cronometrati. E osi anche indignarti quando ti chiede se hai quasi finito… Attenzione, la rivolta non è così lontana.

6. Quando deve indovinare o scegliere per te

E che non andrà mai bene! Il ristorante è ancora il momento clou: 

"Che cosa vuoi?" "Come vuoi" 

"Possiamo fare messicano?" "Ah no, troppo grasso" 

"Beh, allora un giappo?" "Non so usare le bacchette" 

"Pizzeria?" "L'abbiamo già fatto la settimana scorsa" 

Quando sei d'accordo (o meglio quando ti piace qualcosa) potresti anche dirlo subito così non morirete di fame. E per essere chiare, lui non capisce che ti aspetti che faccia qualcosa senza nemmeno chiedertelo. Non tutti hanno il dono della telepatia.

7. Quando tiri fuori il famoso "Vedi, te l'avevo detto!"

Peccato che… gli ricordi sua madre! Anche se hai ragione, non aspettare che lo ammetta, è un ingrato. Piuttosto, giocati questa carta un’altra volta…

8. Quando lo trascini a fare shopping

No, la scusa "Amore ne approfitteremo per trovarti una camicia" non funziona più. Il povero uomo avrà avuto il tempo di esplorare ogni angolo di ZARA quattro volte in lungo e in largo e tu non avrai ancora finito. Vedi le piccole panchine nei corridoi dei centri commerciali, con tutti quei uomini in attesa, che si guardano, complici e compassionevoli, con le loro anime in pena? Senti questa forza, questo tragico destino che li unisce? Allora non fargli questo.

Nessuno è perfetto amica mia, anche il signorino ha comportamenti che ti infastidiscono, ma la cosa più importante è amarsi, non credi?

Se ti è piaciuto questo articolo puoi leggere anche:

Saint Laurent, un marchio che promuove il sesso sicuro e l'empowerment femminile

 

L'uomo femminista, il gentleman del nuovo millennio

back to top