Adopte

Adopte

La vera storia del vibratore

Come spesso accade con le invenzioni rivoluzionarie, la loro madre non è altro che la necessità. E così è stato con il vibratore. Tutto iniziò in Gran Bretagna alla fine del XIX secolo, quando le donne furono colpite su vasta scala dalla "più diffusa di tutte le malattie", da alcuni chiamata "pandemia", la cosiddetta isteria. Una specie di disturbo nevrotico (classificato come tale all'epoca), che si curava con "massaggi" del clitoride. 

La richiesta di questo tipo di trattamento era così grande che i medici non erano in grado di fornire la "cura" a tutte le loro pazienti (si diceva che l'isteria colpisse il 30% della popolazione femminile di Londra). Si decise quindi di inventare un dispositivo che avrebbe liberato i medici da questo lungo e arduo "compito". Tuttavia, lo scopo finale di questo strumento rivoluzionario era quello di dare alle donne il piacere sessuale.

E l'isteria?

È giusto dire che senza l'isteria e l'aumento della sua popolarità nella Londra del XIX secolo, il vibratore probabilmente non sarebbe stato inventato. Tuttavia, l'isteria non è stata scoperta né nel suddetto secolo né in Inghilterra. Le fonti di questo disturbo sono ricercate nell'antico Egitto. Ippocrate introdusse questo termine nel dizionario medico, creando il nome hysterikos (dalla parola greca hystera, che significa utero). L'antico scienziato credeva che l'utero vagasse per il corpo della donna, causando questa sconcertante malattia. Nel XVIII secolo, l'utero fu localizzato e le cause dell'isteria iniziarono ad essere ricondotte al cervello. 

Dal massaggio all'esorcismo 

I sintomi di questo "disturbo insolito" erano abbastanza generali: eccessiva "affettività", mal di testa, mancanza di voglia di vivere, mancanza di respiro. Nell'antichità, il trattamento consisteva nel massaggiare gli organi femminili; nel Medioevo, si credeva che l'esorcismo e la preghiera avrebbero bandito la malattia, per poi tornare al metodo più "efficace" nei tempi moderni, cioè la stimolazione clitoridea. Così, nel XIX secolo, i medici usavano le loro dita per portare all'orgasmo le pazienti durante una sessione di un'ora. Tuttavia, questo non durò a lungo...

Un'invenzione rivoluzionaria 

Il primo dispositivo meccanizzato per il trattamento dell'isteria fu creato nel 1869 dal medico americano George Taylor. Era un vibratore a vapore, a cui fu dato il nome di The Manipulator. Tuttavia, a causa delle sue enormi dimensioni, non facilitava il lavoro dei medici. Un'invenzione rivoluzionaria fu il primo vibratore elettromeccanico, costruito da un medico britannico Joseph Mortimer Granville nel 1880, che accorciò il tempo della visita di un paziente da un'ora a soli cinque minuti.

Dallo studio medico alla camera da letto

L'elettrificazione diffusa all'inizio del XX secolo ha permesso di ridurre le dimensioni del vibratore e, soprattutto, di renderlo portatile. Di conseguenza, i medici hanno potuto fare a meno di questa pratica nei loro uffici. Il vibratore fu persino offerto per corrispondenza come "piccolo elettrodomestico per uso personale". Le pubblicità dell'epoca, anche se sottili, rivelato il suo vero uso. Una pubblicità inserita nella rivista Women's Home Companion del 1910 prometteva "ad ogni donna la quintessenza dell'eterna giovinezza", mentre un'altra affermava che "con essa sentirete tutti i piaceri della gioventù pulsare attraverso di voi". Il vibratore divenne così popolare che, insieme al bollitore, alla macchina da cucire, al ventilatore e al tostapane, fu uno dei cinque elettrodomestici più popolari. 

Verso la libertà del piacere femminile   

Anche se i vibratori non sono stati utilizzati per scopi terapeutici dagli anni '30, non è stato fino agli anni '50 che l'American Psychiatric Association ha rimosso l'isteria dalla sua lista di malattie. Tuttavia, la vera rivoluzione sessuale avvenne alla fine degli anni '60 e all'inizio degli anni '70, quando le femministe iniziarono a parlare pubblicamente della sessualità femminile e l'azienda giapponese Hitachi lanciò il popolare dispositivo di massaggio alla schiena Magic Wand, il cui scopo originario fu modificato molto rapidamente. Questo portò a una tale immensa popolarità del dispositivo che negli anni '80 i vibratori divennero noti come sex toy e iniziarono a raggiungere vendite di massa, fino ai giorni nostri. 

Guardando l'intricata storia di questo dispositivo, si può arrivare alla conclusione che il vibratore non è solo un simbolo del piacere erotico, ma anche della lotta per smettere di tabuizzare i bisogni sessuali delle donne. Anche se molto è già stato fatto in questa direzione (oltre il 50% delle donne dichiara di usare regolarmente un vibratore), abbiamo ancora molta strada da fare. L'esempio migliore è il fatto che la legge americana proibisce la pubblicità e persino la vendita di vibratori, mentre allo stesso tempo non ci sono tali restrizioni per il Viagra. Interessante, vero?    

Se ti è piaciuto questo articolo, ti piacerà molto:

La storia del bacio

back to top