AdottaUnRagazzo.it

Malala Yousafzai: il più giovane premio Nobel del mondo

Dov'eri quando avevi 15 anni? Chiudi gli occhi e immagina, riesci a vederti?

Ebbene, alla stessa età Malala Yousafzai stava salendo su uno scuolabus quando un attentatore vi entrò e gridò il suo nome, poco prima di sparare tre colpi, uno dei quali le perforò il braccio. 

Malala è nata il 12 luglio 1997 ed è cresciuta nel distretto di Swat Valley nel nord-ovest del Pakistan. Suo padre è un diplomatico pakistano che si è sempre battuto per il diritto all'istruzione. Infatti, nel 2008 ha diretto una scuola per ragazze fino a quest'anno, quando i talebani hanno preso il controllo della regione: hanno vietato la televisione, la musica e l'educazione delle donne, tra le altre cose. E se qualcuno obiettava o esprimeva un'opinione, venivano comminate severe punizioni, compresa la morte. 

"Sono andata a scuola nella paura perché i talebani avevano emesso un decreto che vietava alle ragazze di frequentare la scuola. Mentre passavo, ho sentito un uomo dire: "Ti ucciderò". Ho accelerato il passo e quando ho guardato indietro, l'uomo era già dietro di me. Ma, con mio grande sollievo, stava parlando al telefono, quindi deve aver minacciato qualcun altro". - ha scritto Yousafzai il 3 gennaio 2009 nel suo primo articolo per la BBC con lo pseudonimo Gul Makai, che in realtà le piaceva di più del suo vero nome, che significa "dolore nel dolore", un termine molto lontano dalla sua personalità coraggiosa e laboriosa.

All'età di 11 anni, è diventata la più giovane combattente del mondo. Giorno dopo giorno scriveva note scritte a mano che descrivevano la sua vita sotto il dominio dell'armata Tehrik-i-Taliban Pakistan, che un reporter ha scannerizzato e inviato alla BBC. Ha riferito della chiusura di centinaia di scuole femminili, dell'occupazione delle strade da parte dell'esercito e delle uccisioni nelle strade e di altre numerose atrocità. 

Poiché i talebani controllavano tutti i media ed esercitavano il potere attraverso la paura, poche informazioni sono trapelate. Tuttavia, attraverso le pubblicazioni di 'Gul Makai', la questione è diventata visibile e i suoi articoli hanno ricevuto così tanta pubblicità che nel marzo 2012 la sua identità è stata rivelata. 

Ma se c'era una cosa che la spaventava più dei terroristi, era il fatto che le donne avrebbero perso il loro diritto all'istruzione. Così non ha smesso di parlare e difendere i suoi ideali fino a quando è stata attaccata il 9 ottobre 2012, all'età di 15 anni. 

Un elicottero l'ha trasportata all'ospedale militare di Peshwar, e suo padre, che l'ha accompagnata, ha chiesto ai parenti d'iniziare a fare i preparativi per il funerale. Le possibilità di sopravvivenza erano scarse. 

Ma il suo corpo era forte come le sue convinzioni e Malala è emersa dalle sue condizioni critiche: due mesi dopo l'attacco ha potuto volare in Inghilterra per la riabilitazione. L'incidente ha avuto un tale significato globale che l'ONU ha lanciato una petizione a suo nome chiedendo che tutti i bambini frequentino la scuola entro la fine del 2015, aiutando il Pakistan a ratificare il diritto all'istruzione. 

Una volta ristabilita, ha festeggiato il suo 16° compleanno facendo un discorso davanti a migliaia di persone nella sede dell'ONU a New York: "Un bambino, un insegnante, un libro e una matita possono cambiare il mondo", e l'intera assemblea si alzò in piedi e le fece una standing ovation.

Lo stesso anno ha visto la pubblicazione del bestseller "Io sono Malala", un'autobiografia scritta dalla giornalista Christina Lamb. Ma non il primo, perché nel 2009 il giornalista del New York Times Adam B. Ellick ha fatto un film documentario sulla sua vita. 

Tra i numerosi premi e riconoscimenti ricevuti, nel 2014 le è stato assegnato il premio Nobel per la pace per la sua lotta contro la repressione giovanile e per il diritto di tutti i bambini all'istruzione. Così, all'età di 17 anni, è diventata la persona più giovane della storia a ricevere il premio Nobel.

Ora ha fondato il Malala Fund, che mira a raccogliere denaro per investire nelle ragazze che non possono frequentare la scuola a causa di problemi economici in tutto il mondo. 

Nel 2020, Yousafzai si è laureata in filosofia, politica ed economia all'Università di Oxford. Oggi continua a tenere discorsi sull'importanza dell'educazione e sul ruolo fondamentale del dialogo nella soluzione dei problemi politici e militari. All'età di 24 anni, non solo ha contribuito a porre fine a una dittatura, ma è anche un'ispirazione per milioni di donne.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti piacerà molto:

Frida Kahlo

back to top