AdottaUnRagazzo.it

Guida ai baci dei film - Parte I

Niente porta un brivido sullo schermo in modo così efficace come un bacio ben eseguito. Questo momento di puro piacere, che sia romantico o puramente fisico, può essere molto più efficace di una scena di sesso o anche di un lieto fine.

Tuttavia, prima che i registi riuscissero a perfezionare l'arte del bacio cinematografico, sia il cinema che la società hanno dovuto subire una serie di trasformazioni morali... Volete sapere quali? Invitiamo tutti gli appassionati dell'arte cinematografica alla tanto attesa prima della nostra guida al bacio del film!

Gli anni '40: l'era del bacio di tre secondi

Sebbene il primo bacio sul grande schermo ebbe luogo già nel 1896, in un cortometraggio muto dal titolo molto eloquente “The May Irwin Kiss”, fu solo negli anni ‘40 che divenne una caratteristica permanente del cinema. Ma non è stato così facile! Tutto a causa delle norme restrittive, che vietavano l'esibizione di -baci eccessivi e lascivi-. Pochi anni dopo arrivò l'emblematica Casablanca del 1942, insieme a uno dei più bei baci della storia del cinema. I registi hanno dovuto lavorare molto per aggirare le regole. Nel film “Notorious” di Alfred Hitchcock del 1943, gli amanti iniziano a scambiarsi teneri baci mentre sussurrano, e non durano più di 3 secondi. Esattamente come prevedevano le regole dell'epoca.

Anni '50: il bacio a porte chiuse

Dopo la sottile sensualità dei film neri degli anni ‘40, fu la volta dei conservatori anni ‘50. Il bacio in questo periodo era riservato solo a marito e moglie, ma questo non significava che il sesso non ribollisse sotto il desiderio. Questo è evidenziato in una scena di “Un tram chiamato desiderio” del 1951, in cui Blanche (Vivien Leigh), incontra Stanley (Marlon Brando). Lui si toglie la maglietta mentre lavora, e lei non riesce a togliergli gli occhi di dosso. Tuttavia, durante questo periodo, non cominciavano le donne a baciare, a meno che il loro ruolo non si limitasse ad essere la seduttrice, come spesso accadeva con i personaggi interpretati da Marilyn Monroe.

Gli anni '60: baci che infrangono le regole

La rivoluzione sessuale degli anni ‘60 è stata anche una svolta nel cinema. I baci si sono intensificati, le donne hanno iniziato a esprimere liberamente la loro sessualità e i registi cominciarono a mostrarla audacemente. Influenzati dalla Nouvelle Vague francese e dal suo approccio disinibito all'intimità, i registi cominciarono a rappresentare non solo baci ma anche scene di sesso. Film come “Il laureato”, hanno spinto oltre i confini il bacio sullo schermo quando Ben (Dustin Hoffman) e Mrs Robinson (Anne Bancroft) iniziano a baciarsi, sfidando non solo le convenzioni secolari ma anche il codice che dettava l'infedeltà non sarebbe dovuto mai essere messo in atto "in modo attraente".

Gli anni '70: nudità, liberazione e baci queer

I cambiamenti culturali iniziati negli anni ‘60 ci hanno portato agli anni ‘70, in cui i film sono stati in grado di scioccare anche il pubblico moderno. Quest'epoca ha portato al classico culto queer “Rocky Horror Picture Show” del 1975, a Jane Fonda come prostituta di New York in “Klute” del 1971 e al film “Dog Day Afternoon”, in cui Al Pacino rapina una banca per finanziare l'intervento chirurgico del suo compagno transgender. Questo periodo ha visto anche classici come il toccante “Love Story”, il ballabile “Grease” e l'influenzato dal jazz “Annie Hall”. E così gli anni '70 hanno mostrato nudità, donne che iniziano incontri intimi e baci molto meno repressi.

Il bacio, come tutti gli altri motivi cinematografici, rivela molto più di quanto si possa pensare. È una cartina di tornasole per il momento culturale in cui il film è ambientato. Cambia a seconda di quello che succede nella società, ed è per questo che è così importante analizzarlo attentamente.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti piacerà molto:

Per amare come negli anni '80

back to top