Adopte

Adopte

Billie Jean King: da tennista a femminista

Billie Jean Moffitt è nata il 22 novembre 1943 a Long Beach, in California, suo padre, Bill, era un vigile del fuoco e sua madre, Betty, una casalinga. La famiglia Moffitt era sempre stata coinvolta nello sport: Bill, prima di diventare pompiere, aveva giocato nell'NBA e Betty era un'abile nuotatrice. Il fratello di Billie Jean, Randy, ha giocato per 11 anni in diverse squadre della Major League Baseball. Il destino della piccola Billie Jean era già scontato. 

Il primo sport di Billie Jean fu la pallacanestro. Iniziò poi a giocare a softball e all'età di 10 anni vinse un campionato cittadino con la sua squadra. Quando iniziò la quinta elementare, chiese al padre quali sport avrebbe potuto praticare per continuare il suo successo. Suo padre parlò del tennis. Dal momento in cui prese in mano una racchetta, Billie Jean capì di essere portata per il mondo del tennis.

Il giovane atleta aveva puntato in alto. "Intendo diventare la numero 1 al mondo". - Billie Jean lo disse a sua madre. Tuttavia, si rese subito conto che gli standard per le giovani tenniste erano molto diversi da quelli per i giovani uomini. Durante un torneo al Los Angeles Tennis Club nel 1955, Billie Jean fu esclusa da una foto di gruppo di giovani tennisti perché indossava pantaloncini invece del tradizionale abito da tennis. Billie Jean non intendeva arrendersi alle regole e decise di agire contro la disuguaglianza di genere nello sport.

Billie Jean si fece notare nel 1958, quando vinse la sua categoria di età nei campionati della California meridionale. Un anno dopo iniziò a giocare a tennis a livello professionale e fu allenata dall'ex grande del mondo del tennis femminile Alice Marble. Nel frattempo, Billie Jean si laureò alla California State University di Los Angeles e lavorò come istruttrice di tennis. Nel 1965 sposò lo studente di legge Larry King.

Nel 1961, la tennista raggiunse la fama internazionale quando, insieme a Karen Hantze Susman, divenne la coppia più giovane a vincere il titolo di doppio a Wimbledon. Tra il 1961 e il 1979, Billie Jean vinse il record di 20 titoli di Wimbledon, 13 titoli negli Stati Uniti, quattro titoli in Francia e due titoli in Australia, portando il suo totale a 39 titoli del Grande Slam. Nel 1972 vinse gli US Open, gli Open di Francia e Wimbledon, conquistando tre titoli del Grande Slam in un solo anno.

Fuori dal campo, Billie Jean si batté per l'uguaglianza dei compensi finanziari negli eventi maschili e femminili. Nel 1973, all'apice della sua carriera, Billie Jean sfruttò la sua posizione per creare la Women's Tennis Association. Grazie alla sua lotta, gli U.S. Open divennero il primo torneo importante a offrire un premio in denaro uguale per entrambi i sessi. 

La campagna per la parità di retribuzione ottenne un'audience globale di oltre 90 milioni di persone quando Billie Jean affrontò il tennista e autoproclamato maschilista Bobby Riggs nella "Battaglia dei sessi". Bobby sosteneva che il gioco femminile fosse inferiore a quello maschile e Billie accettò la sfida di dimostrare che si sbagliava. King ha sconfitto Riggs per 6-4, 6-3, 6-3 e nessuna partita di tennis prima o dopo è stata seguita da un pubblico così numeroso.

Mentre Billie Jean stava riscuotendo un incredibile successo nella vita professionale, la sua vita privata sarebbe stata sottoposta a un esame nazionale. La tennista si rese conto di essere interessata alle donne e iniziò una relazione segreta con una donna all'inizio degli anni Settanta. Un decennio dopo, nel 1981, Billie Jean ammise pubblicamente di essere lesbica e perse di conseguenza tutti i contratti di sponsorizzazione.

Billie Jean non aveva intenzione di arrendersi e iniziò un'altra battaglia, questa volta contro la discriminazione basata sull'orientamento sessuale. Dopo il divorzio da Larry nel 1987, Billie Jean ebbe una relazione con Ilana Kloss. La coppia si stabilì a New York. Billie Jean e Ilana rimasero amiche intime di Larry e della sua famiglia.

Il 12 agosto 2009 il Presidente Barack Obama le conferì la Medaglia presidenziale della libertà, la più alta onorificenza civile degli Stati Uniti, per il suo lavoro a favore delle donne e della comunità LGBTQ. Billie Jean non ha però intenzione di riposare sugli allori. Oggi, a 78 anni, continua a lottare instancabilmente contro le ingiustizie e le discriminazioni in tutto il mondo.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti piacerà molto:

Sofka Skipwith: la principessa che ha combattuto contro il nazismo

back to top