AdottaUnRagazzo.it

Anna Frank

Da bambina Anna Frank voleva diventare una scrittrice o una giornalista: la sua curiosità la portava a parlare con la gente e a voler sapere di più su certe cose che attiravano la sua attenzione. Sfortunatamente, la sua vita fu interrotta dalla persecuzione antisemita durante l'Olocausto. 

Annelies Marie Frank è nata il 12 giugno 1929 a Francoforte, Germania. Viveva con sua sorella maggiore Margot e i suoi genitori Otto e Edith Frank. Nel 1933, quando Anne aveva solo 6 anni, Adolf Hitler e il partito nazionalsocialista antiebraico presero il potere. La famiglia Frank decise di fuggire ad Amsterdam in Olanda nella speranza di una vita migliore. 

Anne si abituò rapidamente alla sua nuova casa, imparò la lingua e iniziò a frequentare la scuola. Con la sua famiglia, si sentivano molto a loro agio con la sicurezza e le opportunità che questo paese offriva loro. Ma un giorno tutto cambiò quando la Germania nazista invase la Polonia nel 1939 e iniziò la seconda guerra mondiale. Poco dopo, i nazisti invasero i Paesi Bassi. L'esercito nazista iniziò ad applicare nuove leggi che limitavano la mobilità degli ebrei. I membri della religione non erano più autorizzati a visitare luoghi di lavoro non ebraici, e i bambini dovevano frequentare scuole separate e indossare una stella di David per l'identificazione.

Il 5 luglio 1942 Margot, la sorella di Anne, ricevette una chiamata per presentarsi in un campo di lavoro in Germania. La famiglia temeva per la propria vita, così decise di nascondersi nell'"Alloggio segreto" dietro l'ufficio invece di presentarsi al campo. La clandestinità durò due anni e poco prima Anne ricevette un diario come regalo per il suo tredicesimo compleanno. Mentre era nascosta con la sua famiglia, iniziò a scrivere le sue esperienze, i suoi pensieri e i suoi sentimenti nel suo diario. Ha anche raccontato delle storie e ha iniziato un romanzo sulla sua vita.

Purtroppo, il 4 agosto 1944 il nascondiglio della famiglia fu scoperto dalla polizia segreta tedesca. I Franchi furono arrestati e mandati a Camp Westerbork l'8 agosto dello stesso anno. Un mese dopo, il 4 settembre, furono messi su un treno con altri 1.019 ebrei e trasportati ad Auschwitz in Polonia. Una volta lì, gli uomini e le donne furono separati e Anne e sua sorella Margot furono selezionate per il lavoro manuale a causa della loro età.

Alla fine di ottobre 1944, Anne e sua sorella Margot furono trasportate in un altro campo di concentramento nel nord della Germania, chiamato Bergen-Belsen. Le condizioni di vita in questo campo erano ancora peggiori, e molte persone morirono di fame o di malattia. Le due sorelle hanno contratto il tifo e sono morte nel marzo 1945, poche settimane prima che l'esercito britannico liberasse il campo il 15 aprile. Anche la loro madre Edith morì all'inizio di gennaio 1945 nel campo di Auschwitz.

L'esercito sovietico liberò Auschwitz il 27 gennaio 1945 e Otto, il padre di Anne, fu l'unico della famiglia a sopravvivere. Quando fu liberato, fu con grande dolore che si rese conto che tutta la sua famiglia era morta. Tuttavia, tornò nei Paesi Bassi e scoprì che la sua amica Miep Gies era riuscita a conservare il diario di Anne prima che i nazisti distruggessero il loro nascondiglio. Otto, lesse attentamente il lavoro di sua figlia, lo modificò e ne compilò alcune parti nel tentativo di soddisfare il desiderio di divulgazione che ossessionava la bambina prima che morisse.

All'inizio Anne cominciò a scrivere senza l'intenzione di essere letta da nessuno, ma un giorno sentì il ministro dell'istruzione olandese che invitava la gente a tenere una memoria di ciò che stava accadendo. Dopo aver sentito queste parole, l'adolescente decise che, quando tutto fosse finito, avrebbe scritto un romanzo basato sui suoi diari. Ha raccolto tutto il materiale che aveva e ha cominciato a rifinirne e riscriverne alcune parti. Non ha smesso di alimentare il suo diario con quello che succedeva nella sua vita.

Il diario fu pubblicato nel giugno 1947. Il libro crebbe in popolarità e fu poi tradotto in più di 70 lingue. Otto sperava che i lettori del diario prendessero coscienza dei pericoli della discriminazione, del razzismo e dell'antisemitismo. Nel 1960, l'annesso segreto dove la famiglia si nascondeva è diventato un museo chiamato Casa di Anna Frank. Il passaporto e il diario scritto a mano di Anna Frank, scritto ad Amsterdam durante la seconda guerra mondiale.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti piacerà molto:

Alaska Davidson: la prima spia donna dell'fbi
back to top