AdottaUnRagazzo.it

5 ritratti dell'amore

L’amore si sa, è il sentimento più antico e misterioso del mondo. Questi secoli d’arte non sono che la più fulgida e nitida espressione di quello che questo sentimento può smuovere nell’animo umano. AdottaUnRagazzo ha selezionato per voi 5 opere d’arte tra le più emblematiche di sempre quando si parla del tema caro ad Eros, e ancora oggi riescono a farlo riecheggiare. Attraverso queste 5 opere cercheremo di rappresentare l’amore in alcune delle sue più svariate forme. In quale ti identificheresti? 

L’amore come completamento di sé

 
Il bacio di Gustav Klimt 

Da Platone a Klimt l’amore è sempre stato vissuto come un bisogno necessario all’uomo per completarsi, come una continua ricerca per colmare una sorta di innata mancanza che ognuno di noi prova. Il Bacio dell’artista viennese Klimt – scultura olio su tela realizzata tra il 1907 e il 1908 – è  tra le opere più conosciute al mondo, e celebra proprio l’unione di queste due metà. L’infinito maschile e femminile che, fondendosi in un'unica entità di corpi e natura, ritrovano quell’equilibrio-mancanza nel loro abbraccio. 

 

L’amore carnale 

 
L’abbraccio di Egon Schiele 
   

L’abbraccio dell’espressionista austriaco Schiele riesce ancora oggi a comunicare una potente carica di carnalità e di tensione sessuale. I due amanti, nudi, ritratti sopra un lenzuolo sgualcito, sembrano consumarsi a vicenda in un abbraccio. La scena, raffigurante un momento di estrema intimità, vuole cogliere il lato rassicurante e protettivo dell’amore. Infatti, il pittore ha dipinto il quadro nel 1917, anno in cui il paese natale dell’artista era sconvolto dagli orrori della prima guerra mondiale. Se in passato uno di questi abbracci riusciva a sollevarci dai traumi della guerra, anche in tempi difficili come oggi l’amore è quel luogo dove sicuramente potremmo trovare conforto. 

L’amore impossibile 

 
Gli Amanti di René Magritte 
   

Datata 1928, l’opera del pittore surrealista Magritte è la prova di come la rappresentazione di un bacio possa assumere significati diversi, e a volte contrastanti. Attraverso l’uso di un semplice velo che oscura i volti degli amanti, Magritte trasmette l’impossibilità e le tensioni di certi amori. Nonostante ci sia il desiderio di unirsi, i due amanti vengono ostacolati da un velo bianco, interpretato come l’incapacità di comunicare, e di abbandonarsi e rivelarsi l’uno all’altro. 

 

L’amore come chiodo fisso  

Autorretrato con Diego en mi pensamiento di Frida Kahlo
 

Tutti conosciamo la travagliata storia d’amore tra Frida Kahlo e Diego Rivera, che nonostante il divorzio e i continui tradimenti non si è mai spenta. Nel 1943, proprio dopo la separazione, Frida dipinge questo quadro, spinta ancora dal desiderio morboso di ricongiungersi con il suo amato. Diego infatti è ancora rappresentato al centro della sua fronte, come una parte integrante del suo autoritratto e quindi della sua persona. Quante volte ci è capitato di pensare “ma questo come me lo tolgo dalla testa?”. Anche la cara Frida si è ritrovata nella stessa situazione… 

 

L’amore romantico 

 
Amanti e Lautrec di Joseph Lorusso 

Un’ opera moderna, risalente a fine novecento, è quella del pittore italo-americano Joseph Lorusso, che nel dipinto Amanti e Lautrec rappresenta in modo originale il sentimento dell’amore, nonché tema centrale della sua arte. Questo quadro - oltre a rendere omaggio all’artista francese Henri de Toulouse-Lautrec - riesce a far sognare i suoi spettatori che, insieme ai protagonisti dell’opera, si lasciano abbandonare alla dolcezza e ai misteri dell’amore. Infatti, mentre noi osserviamo gli amanti di Lorusso, i due a sua volta si perdono a osservare gli amanti di Lautrec, creando una connessione tra gli sguardi e rappresentando nella forma più dolce il sogno dell’amore. 

  CR
back to top